Passeggiata a Castelluccio di Norcia

Passeggiata a Castelluccio di Norcia

26 Luglio 2020 di A.M.E.R. Onlus

Dopo il disastroso terremoto del 24 agosto 2016 non avevamo il coraggio di tornare a Castelluccio, ma lo spettacolo della fioritura e ancora meraviglioso e per fortuna attira ancora migliaia di persone che, speriamo, tengano alta l’economia di quei magnifici territori.

Pur essendo andati un po’ tardi quasi alla fine della fioritura lo spettacolo è ancora incantevole spicca l’azzurro elettrico dell’ormai raro, in altri luoghi, per le coltivazioni con diserbanti, del fiordaliso vero (Centaurea cyanus L.) e il rosso carminio del papavero (Papaver rhoeas L.), mischiati come su una tavolozza di un pittore, col bianco della margherita comune [Leucanthemum vulgare (Vaill.) Lam.] e il giallo del caglio zolfino (Galium verum L.), che come dice il nome comune serviva un tempo per cagliare, in modo vegetariano. il latte e fare il formaggio.

Fiordaliso vero (entaurea cyanus L.)
Papavero (Papaver rhoeas L.)
Caglio zolfino (Galium verum L.)
Margherita comune [Leucanthemum vulgare (Vaill.) Lam.]